Appello “per il rispetto della memoria e della storia”

culture,movimenti&reti 7 Ottobre 2019 | 0 Comments

La risoluzione del Parlamento europeo approvata a grande maggioranza il 19 settembre scorso, su «importanza della memoria europea per il futuro dell’Europa», è un atto politico e culturale sbagliato e da respingere con forza.

In primo luogo va detto che non spetta a un organismo istituzionale o politico affermare una determinata ricostruzione della storia. Questo è un compito che va lasciato al libero confronto tre le diverse interpretazioni e opinioni, alla ricerca degli studiosi. Un uso della storia che voglia imporre una determinata visione dei principali eventi del secolo scorso per farne armi per la battaglia politica immediata non dovrebbe avere cittadinanza in una vera democrazia.

In secondo luogo, le affermazioni riguardanti la storia del Novecento presenti nella risoluzione contengono errori, forzature e visioni unilaterali che sono inaccettabili. Vi si afferma che il “patto Molotov-Ribbentrop” del 23 agosto 1939, «ha spianato la strada allo scoppio della Seconda guerra mondiale». Si omette così qualsiasi riferimento al colpevole comportamento delle democrazie liberali di fronte alla politica espansionistica nazifascista, che data almeno dall’invasione dell’Etiopia (1935) e dalla guerra di Spagna scatenata dal generale Franco (1936), e proseguita con il “diktat di Monaco” (1938) e il conseguente smembramento della Cecoslovacchia non solo a opera della Germania, ma anche della Polonia e dell’Ungheria. E non va dimenticata la annessione dell’Austria (Anschluss) avvenuta l’11 marzo del 1938.

La storia ci insegna che l’Unione Sovietica cercò a lungo una intesa con Francia e Regno Unito in funzione antitedesca, e si decise a un accordo con la Germania (al fine di rimandare il pur inevitabile attacco nazista) solo quando fu chiaro che tale intesa era impossibile, anche per l’opposizione della classe dirigente polacca guidata dal dittatore di destra Piłsudski e alleata di Francia e Regno Unito.

Inoltre la risoluzione non fa cenno all’enorme contributo alla vittoria contro il nazifascismo, decisivo per le sorti stesse dell’Europa e dell’umanità, dato sia dall’Unione Sovietica (oltre 25 milioni di morti), sia da chi, ovunque in Europa e nel mondo, spesso guidato dagli ideali e dai simboli delle varie correnti del movimento comunista internazionale, si oppose alle truppe hitleriane e ai loro alleati. Si dimentica così che Antonio Gramsci, oggi tra gli autori più letti e studiati in tutto il mondo, morto per volontà del fascismo, era un dirigente e teorico comunista. Si riesce a nominare Auschwitz senza dire che fu l’esercito dell’Unione Sovietica a liberarne i prigionieri destinati allo sterminio. O si dimentica volutamente che in molti paesi (tra cui la Francia e l’Italia, ma non solo) i comunisti furono la principale componente della Resistenza al nazifascismo, dando un contributo di primo piano alla sua sconfitta e alla rinascita in quei paesi di una democrazia costituzionale e alla riaffermazione delle libertà politiche, sindacali, culturali e religiose. Per non parlare del decisivo apporto che Stati e idealità comuniste diedero nel Novecento alla liberazione di interi popolo dal giogo coloniale e a volte dalla schiavitù.

Ricordare questi dati di fatto, che la mozione colpevolmente omette, non significa ignorare e tacere sugli aspetti più condannabili di ciò che generalmente si chiama “stalinismo”, sugli errori e sugli orrori che vi furono anche in quel campo. Essi però non possono cancellare una differenza di fondo: mentre il nazifascismo, nel dare vita a una spietata dittatura e nel negare ogni spazio di democrazia, di libertà e persino di umanità, nel perseguitare fino allo sterminio proclamato e pianificato, le minoranze religiose, etniche, culturali, sessuali, cercò di realizzare i propri programmi, i regimi comunisti prima e dopo la guerra, allorquando si macchiarono di gravi e inaccettabili violazioni della democrazia e delle libertà, tradirono gli ideali, i valori e le promesse che aveva fatto. La qual cosa deve produrre domande, riflessioni e indagini, ma – congiuntamente al contributo dato dai militanti e dall’Urss alla sconfitta del nazifascismo – non permette in alcun modo l’equiparazione di nazismo e comunismo che è al centro della risoluzione del Parlamento europeo, né l’identificazione, più volte fatta dalla mozione, di comunismo e stalinismo, vista la grande varietà di correnti ideali ed esperienze politiche a cui il primo ha dato vita.

Queste falsificazioni e omissioni non possono essere assunte come base di una «memoria condivisa» e tantomeno diventare base di un programma comune di insegnamento della storia nelle scuole, come la mozione auspica. Non può divenire la piattaforma di una «Giornata europea di commemorazione delle vittime dei regimi totalitari», quale la mozione chiede. Né fornire la motivazione per la rimozione «di monumenti e luoghi commemorativi (parchi, piazze, strade, ecc.)» che, con la scusa della lotta a un indistinto totalitarismo, invita in realtà a cancellare limpide pagine della storia di chi contribuì col proprio sacrificio a battere il nazifascismo.

Si afferma che la mozione del Parlamento europeo contiene inevitabili compensazioni atte a far passare anche una affermazione di volontà di lotta al «ritorno al fascismo, al razzismo, alla xenofobia e ad altre forme di intolleranza».  Ma queste giuste esigenze di lotta al razzismo e al fascismo non possono fondarsi su un uso distorto e persino falso della storia o sul pretendere di recidere le radici di una componente fondamentale dell’antifascismo quale è quella comunista. I popoli d’Europa non lo devono permettere.

Primi firmatari:

Guido Liguori, Maurizio Acerbo, Walter Baier, Maria Luisa Boccia, Luciana Castellina, Paolo Ciofi, Davide Conti, Enzo Collotti, Maria Rosa Cutrufelli, Paolo Favilli. Paolo Ferrero, Eleonora Forenza, Nicola Fratoianni, Citto Maselli, Lidia Menapace, Massimo Modonesi, Roberto Morea, Roberto Musacchio, Pasqualina Napoletano, Rosa Rinaldi, Bianca Pomeranzi, Aldo Tortorella

per adesioni qui il link

Adesioni:

Fausto Bertinotti, Alfonso Gianni, Gianni Ferrara, Riccardo Petrella, Paola Boffo, Pasquale Voza, Marina Boscaino, Marco Noris, Giulia Rodano, Lea Melandri, Lea Durante, Dino Greco, Imma Barbarossa, Luigi Saragnese, Alfonso Perrotta, Pietra Alborno, Alessandro Magherini, Alessandro Arrigo, Marco Vulcano, Maria Chiara Acciarini, Marino Tambuscio, Irina Casali, Rosaria Anna Rizzo, Giancarlo Ilari, Umberto Spallotta, Ivano La Montagna, Roberto Travagli, Giuseppe Lipari, Emanuela Benvenuti, Nilo Di Modica, Mirko De Berardinis, Paola Marciani, Piergianni Arlotti, Roberto Casella, Loretta De Luca, Sergio Acquilino, Yuri Cavalieri, Franco Nanni, Mauro Zanella, Patrizia Sentinelli, Clarissa Castaldi, Eliana Iocchi, Pasquale Ruzza, Maria De Angelis, Floriana Giallombardo, Marco Ferretti, Mariaro Colonna, Luisa Colombo,Donato Saliola, Adriana Buffardi, Emiliano Schember, Andrea Curtetti, Cosetta Erinaldi, Tiziana Chiattellu, Elisabetta Querci, Daniela Marsili, Paolo Tani, Massimo Cocco, Giuseppe Gonella, Francesco Violante, Alessandro Albarani, Luisa Briganti, Marco Ferretti, Giorgio Mariani, Roberto Romanò, Luciano Apostoli, Gisella Rossi, Andrea Ghilarducci, Alda Colombera, Gabriele Petrini, Maria Rita Micheli, Maria Delfina Bonada, Daniele Passarella, Hans Spinnler, Loredana Giolitto, Simona Ghinassi, Cecilia Santi, Emilio Vittozzi, Rossella Romano, Franco Trane, Vincenzo Franciosi, Laurino Giovanni Nardin, Anton Roca,Davide Rostan, Moreno Biagioni, Riccardo Festa, Gianfranco D’Alonzo, Saverio Santi, Francesco Reyes, Gianni Manicardi, Matilde Di Giovanni, Francesco Mirabelli, Giovanni Consoletti, Francesco Macario, Giuseppina Natale, Adriano Zaccagnini, Daniela Turco, Luciano Licausi, Luca Grignoli, Giuseppe Vagge, Loredana Fraleone, Flavia Di Luzio, Ivano Foschini, Giancarlo Montalto, Maria Concetta Dentoni, Maria Letizia Verola, Carlo Alberto Notaris, Manola Cavallini, Riccardo Infantino, Pietro Li Causi, Luciano Barracco, Danilo Andriollo, Francesco Graziani, Alessandro Paccione, Luca Domenichini, Gabrio Vitali, Barbara Grandi, Maresa Conforti, Caterina Di Francesco, Claudio Natoli, Maria Ricciardi Giannoni, Gianni Castellan, Paola Africano, Federico Buttò, Luigi Piccioni, Francesco Pitocco, Maria Giuseppina Fusco, Lelio La Porta, Giuseppe Dimola, Piero Soldini, Roberto Rossini, Marco Brusa, Piero Di Siena, Renato Rizz, Valentina Cannavale, Ludovica Barassi, Angelo Farano, Paolo Veronese, Adriana Nannicini, Gianfranco Mazzeo, Dario Fratus, Marco Franchini, Maurizio Natale, Barbara Moretti, Vito Meloni, Fabio Bruschi, Francesco Barbetta, Collettivo Le Gauche, Paola Mattioli, Algo Ferrari, Fondazione Luigi Longo di Alessandria, Guido Ratti, Giovanni Altini, Daniela Padoan, Roberto Galasso, Mauria Bergonzini, Roberto Benassi, Margherita Masè, Angelo Santicchia, Patrizia Latini Tombesi, Gianluigi Trianni, Anna Tanganelli, Vanes Dall’Olio, Irene D’Agostino, Angelo Picoco, Alberto Clarizia, Gianluigi Trianni, Maria Grazia Meriggi, Simonetta Venturini, Susanna Cappellini, Toni Peratoner, Raffaele Tecce, Gaspare Bracchi, Luigi Spagnolo, Anita Sonego, Maria Francesca Gulotta, Ida Vigliarolo, Giorgio Casolaro, Toni Germani, Salvatore Tassinari, Sandro Morelli, Ivo Lisi, Massimo Suriani, Umberto Lucarelli, Paolo Rodighiero, Donato Caporalini, Angelo Bendotti, Raffaele Scala, Ilario Poloni, Corrado Morgia, Pino Sansò, Giuseppe Greco, Alessandro Giusto, Maurizio Maria Camerini, Claudia Valentino, Valeria Volpe, Carla Basciano, Mario Viola, Maria Teresa Punzo, Patrizia Rossetti, Giovanni Sampaolo, Ester Prestini, Bruno Maran, Alessandro Vigilante, Loredana Rotundo, Galileo Casone, Andrea Ricci, Maurizio Rovetta, Anna M. Algeri, Piergiuseppe Bettenzoli, Marco Borsotti, Antonio Bartolozzi, Angelo Gelmini, Pierino Nasuti, Rosaria De Tommasi, Davide Cavaglieri, Pietro Masina, Adriana La Volpe, Antonia Mele, Cristina Boncompagni, Stefano Martinelli, Maria Pierri, Domenico Cosentino, Donata Vizzino, Eduardo Scotti, Barbara Accetta, Antonia Mele, Marcello Egitto, Annamaria Rossi Bufo, Luigi Punzo, Franca Ruggieri, Natascia Ancarani, Carla Marotta, Antonino Zappulla, Filomena Scelza, Pasquale Beneduce, Roberta Di Ruzza, Laura Veronesi, Stefano Ferri, Santino Bonfiglio Messina, Circolo PRC Arezzo, Alessandro Giusti, Renata Mannise, Marina Prati, Ugo Pierallini, Vincenzo Fuschini, Renzo Grappi, Luisa Acerbi, Rossella Perugi, Lucia Gucciardo, Umberta Biasioli, Vera Ottani, Maurizio Vezzà, Nereo Benussi, I Sentinelli di Roma, Roberto Furnaletto, Francesca Koch, Domenico Stimolo, Elena Govoni, Francesco Di Quarto, Derek Boothman, Giuseppina Cinquemani, Stefano Negro, Paolo Bravi Mori, Sara Monte, Andrea Amato, Andrea Balia, Antonio Corbeletti, Cristina Grandi, Daniela Lucatelli, Daniele Passarella, Danilo de Marco, Emanuela Chiappini, Enzo Rega,Ezio Richetto, Fortunato Maria Cacciatore, Gabriella Geremia, Giacomo Fedeli,Giancarlo Ilari, Gigi Cappabianca, Giovanni Berti, Giuseppe Lipari, Lucilla De Vito Franceschi, Luigi Parisi, Manuel Battigaglia, Marco Carletti, Marco Sansoè, Maria Antonietta Pilia, Marino Calcinari, Natale Cuccurese, Orazio dalla Tor, Paolo Rossi, Renato Sala, Riccardo Festa, Stefano Paterna, Tiziano Gava, Tullio Attanasio, Anna Marcianò, Maurizio Parisi, Rosamaria Lai, Stefania Corbella, Luca Crosignani, Giancarlo Luciani, Dante Goffetti, Salvatore Iaccaria, Carmela Restelli, Stefano Montani, Antonietta Bottini, Angelo Solazzo, Gigi Rossetti, Maria Rosaria Pugliese, Daniela Radaelli, Luciano Iolita, Nello Vescovi, Paudice Vincenzo, Francesco Pasqua, Antonino Guarino, Roberto Loddo, Maurizio Capelli, Nando Marincione, Monica Pigni, Alberto Deambrogio, Patrizia Reso, Sofia Masillo, Francesco Marola, Alessandro Moretti, Gianfranco Foletti, Antonella Piraccini, Antonio Adinolfi, Rosa Barsotti, Anna Calabrese Bassi, Adriana Gullo, Maria Grazia Chetta, Lidio Rossi, Marco Ferrentino, Antonio Letteriello, Monica Matturro, Lino Andreozzi, Anna Grimaldi, Mauro Colaianni, Savorelli Ermanno, Claudia Bartolini, Roberto Macrì, Matteo Baffa, Eliana Petralia, Attilio Casagrande, Stefano Ciacchini, Lucia Cocco, Massimo De Pascale, Antonella Mancin, Donato Pivanti Donato Pivanti, Simona Gioia, Simone Stefan, Giuseppe Foscari, Giovanni Ardia, Giovanni Esposito, Simonetta Breda, Carla Rossetti, Marilina Cortazzi, Marinella Gavioli, Gigi Sanza, Claudio Molinario, Luigia Pappalardo, Giuseppe Sottile, Stefano Braccini, Anna Di Sapio, Franco Ferrari, Maria Stefania Politi, Alba Barabino, Dilvo Vannoni, Marinella Gautiero, Lucetta Bellomo, Palmira Ricciardo, Angelo Orientale, Anna Nappi, Marilena Pallareti, Pierina Marturano, Dino Bruno, Margherita Giannilivigni, Marco Giannolo, Angelo Boccalatte, Vezio Benini, Mariapia Merzagora, Giuseppe Firinu, Donatello Alunni Pierucci, Enrico Mazzuoli, Lorena Currarini, Carlo Rutigliano, Serena Santamaria, Marcello Giannolo, Gianni Rinaldini, Marco Bizzoni, Marco Bazzani, Beatrice Barigelli, Francesco Araniti, Marco Mazzoleni, Antonio Sbordoni, Nicoletta Dentico, Dianella Pez, Elena Mazzoni, Gabriele Pascuzzi, Giuseppe Greggio, Rocco Antonio Cavalera, Daniela Untolinibocci, Eva Maio, Antonio Piglionica, Erminio Signor, Mario Priarolo, Letizia Pizzutto, Amabile Carretti, Fabrizio Di Gioia, Stefania Ciulli, Andrea Leone, Daniele Saponaro, Maurizia Alloisio, Epifanio Grasso, Margherita Romanelli, Andrea Ciampoli, Stefano Galieni, Ciriaco Davoli, Cesare Di Gesaro, Neda Graziani, Franco Coricello, Andrea Padovani, Natale Cuccurese, Francesco Lucat,

per adesioni qui il link

 

 

Leave a Reply