Dialoghi nell’era della certificazione verde

Siamo qui perché non abbiamo certezze.

Perché pensiamo che la scienza non sia una fede ma una ricerca, permanente e responsabile, i cui risultati non possono essere definitivi.

Solo una scienza libera dai condizionamenti dei risultati tecnologici può essere efficace. Solo una medicina libera dai condizionamenti del mercato può essere utile. Tutti i farmaci, di qualsiasi tipo, sono il risultato provvisorio della ricerca e per essi non può che valere sempre il principio di prudenza.

Noi non abbiamo certezze e pensiamo che il dubbio sia il germe necessario per non essere schiacciati dalle regole, dai calcoli, dai miti e dai complottismi. Noi pensiamo che la ragione sia lo strumento per interpretare la realtà e il dubbio il metodo per avvicinarci ad essa.

Ma siamo qui anche per denunciare la gestione sbagliata della pandemia. Comprensibilmente improvvisata nei primi tempi (visto la stato del sistema sanitario) è diventata irrazionale e autoritaria in seguito:

  • l’informazione è stata, ed è tuttora, carente, ambigua, contradditoria e omertosa. Alimentando incertezze, confusione e scarsa fiducia nelle istituzioni.
  • ci si è preoccupati esclusivamente delle terapie intensive rinunciando, colpevolmente, al rafforzamento e al rilancio della medicina territoriale e alle cure domiciliari;
  • si sono chiuse o ridotte le attività produttive e le scuole invece di incrementare i mezzi di trasporto pubblico;
  • si è praticata la “didattica a distanza” invece di ridurre il numero di studenti per classe, aumentare il numero delle classi e assumere personale;
  • si è imposto per mesi un coprifuoco notturno inutile dal punto di vista sanitario e punitivo per i giovani e il tempo libero di tutti;
  • alla gratuità dei vaccini non si è altresì garantita la gratuità dei tamponi.

Ad oggi nel Pnrr, non c’è nulla che garantisca:

  • il passaggio da una medicina concentrata solo sull’individuo a una medicina di comunità fondata sulla programmazione sanitaria;
  • l’individuazione dei bisogni prioritari di ogni territorio attraverso ricerche epidemiologiche finalizzate alla costruzione di programmi con precise priorità i cui risultati siano verificabili di anno in anno;
  • il coinvolgimento dei comuni e dei sindaci all’elaborazione dei piani di salute territoriale; il potenziamento della prevenzione, della sanità territoriale e delle cure primarie;
  • la centralità dei distretti sociosanitari e delle strutture intermedie fra le quali le case di comunità;
  • la riduzione della presenza del privato e la modifica del rapporto pubblico-privato

Ed ora si è introdotto il Green Pass, strumento repressivo e ricattatorio. Del tutto inutile dal punto di vista sanitario, altrimenti non si spiega perché il Green Pass non sia obbligatorio sugli affollati mezzi pubblici di trasporto urbano e sui treni regionali.

E’ evidente che ha solo lo scopo di obbligare i cittadini a vaccinarsi, così discrimina e punisce i non vaccinati, li criminalizza colpendoli con multe e sanzioni vessatorie, creando un pericoloso e immorale stigma che divide e frattura la società. Tutto ciò contro i dettami della Costituzione che chiede di garantire pari opportunità e favorire l’accesso di tutti i cittadini al lavoro e ai servizi.

Per questo siamo qui oggi. Allo Stato che tratta i cittadini come sudditi, infanti e minorati, allo Stato che non si fida dei suoi cittadini rispondiamo con il dialogo razionale nella società e, se necessario, risponderemo con la disobbedienza civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.