Vestirsi dentro

Il Coordinamento Biella Antifascista in collaborazione con Hope Club, associazione di volontari che interviene all’interno del Carcere, invita tutte e tutti a donare vestiti per i detenuti del Carcere di Biella. A causa di restrizioni e divieti è necessario attenersi all’elenco contenuto nella locandina dell’Hope Club. I vestiti raccolti possono essere portati alla Cicloofficina Thomas… Continua a leggere Vestirsi dentro

Diritto di asilo ostacolato alla Questura di Milano (e di Vercelli)

Diritto di asilo ostacolato e sanzioni alle persone in coda in Questura a Milano Ad ostacolare l’accesso al diritto di asilo: l’assenza di interpreti, meno di 10 procedure al giorno, mancanza di un sistema di prenotazione. Nel contempo le persone costrette in coda anche per giorni – e notti – vengono sanzionate per bivacco. A… Continua a leggere Diritto di asilo ostacolato alla Questura di Milano (e di Vercelli)

Antagonisti a Torino. Incarcerarne uno per educarne cento

Finalmente, dopo due mesi e mezzo di carcere, anche Francesco, il terzo studente torinese arrestato dopo il corteo studentesco del 28 febbraio scorso, è stato posto agli arresti domiciliari, come era già avvenuto per Jacopo ed Emiliano. I loro arresti e le successive misure cautelari hanno avuto, grazie anche all’impegno di singoli e associazioni (prime… Continua a leggere Antagonisti a Torino. Incarcerarne uno per educarne cento

Faraonici e illegali i progetti del re del Marocco sul Sahara Occidentale

Riportiamo un articolo/intervista, apparso su il manifesto, che denuncia le intenzioni illegali della famiglia reale del Marocco per estendere il controllo sul Sahara Occidentale e “neutralizzare” così i legittimi diritti del popolo Saharawi. Continuano a crescere gli interessi economici della famiglia reale marocchina nei territori occupati del Sahara Occidentale. L’ultima notizia racconta che la società… Continua a leggere Faraonici e illegali i progetti del re del Marocco sul Sahara Occidentale

Ignorare, ridicolizzare, denigrare, criminalizzare. Infine reprimere

Askatasuna e Spazio Neruda: la procura di Torino contesta il reato di associazione sovversiva, il tribunale del riesame riconosce il reato di associazione per delinquere. E’ il nuovo attacco portato indirettamente anche all’intero movimento No Tav. Qui una riflessione del Controsservatorio Valsusa. Ignorare, ridicolizzare, denigrare, criminalizzare. E infine reprimere duramente.Sono questi, esattamente in questo ordine,… Continua a leggere Ignorare, ridicolizzare, denigrare, criminalizzare. Infine reprimere

Piacenza :: Vogliono fermare le lotte. Fermiamoli!

Mentre i partiti in Parlamento spettacolarizzano se stessi a caccia di una rilevanza svanita e cercano di ritagliarsi uno spazio nelle cronache con l’aiuto di un giornalismo autoreferenziale, la Magistratura in Italia arresta militanti politici e sindacalisti che lottano per la giustizia sociale e la qualità della vita e dell’ambiente. Con l’aiuto della Polizia di… Continua a leggere Piacenza :: Vogliono fermare le lotte. Fermiamoli!

Costruire il nemico per cancellare il conflitto sociale

Proponiamo una lucida analisi dell’avvocato Claudio Novaro, apparsa su Volerelaluna.it, sulla repressione giudiziaria del conflitto sociale da parte della Procura della Repubblica di Torino, con l’aiuto partecipato e solerte della Digos. Le forme assunte da questa ennesima inchiesta contro i No Tav ci obbligano a riflettere sulla deriva autoritaria dentro la quale stiamo vivendo: ci… Continua a leggere Costruire il nemico per cancellare il conflitto sociale

Diritto di asilo in Italia tra violazioni e mancanza di risorse

L’Asylum Information Database (AIDA) è un progetto che offre ogni anno una panoramica sul diritto d’asilo in Europa,  promosso dal Consiglio europeo per i rifugiati e gli esuli (ECRE). Si tratta di un importante strumento di analisi per capire cosa  incontra chi cerca protezione in Europa nei diversi Stati – 23 Paesi, 19 UE e 4 non… Continua a leggere Diritto di asilo in Italia tra violazioni e mancanza di risorse

I “valori dell’Occidente” :: L’impero britannico deporta gli immigrati illegali

Martedì 14 giugno 31 migranti, entrati illegalmente in Gran Bretagna, verranno deportati in Ruanda, altri voli sono in programma. La Corte suprema ha detto che si può fare. Lì saranno tenuti in attesa della “elaborazione delle richieste d’asilo”. Secondo Human Right Watch e Amnesty International, insieme ad un’altra ventina di Ong, il Ruanda non rispetta… Continua a leggere I “valori dell’Occidente” :: L’impero britannico deporta gli immigrati illegali

I “valori dell’occidente” :: La Guantanamo polacca

A Wedrzyn in Polonia muore l’accoglienza e muoiono le persone. Un articolo di M.C. e Lorenzo De Stasi, apparso su Domani il 15 maggio, ci racconta cosa accade nel campo di detenzione di Wedrzyn in Polonia ai migranti che non sono ucraini. Dove muore l’accoglienza, Di Stasi

Vercelli. Diritti dei migranti e ritardi della Prefettura

Da qualche giorno una decina di migranti staziona davanti alla Questura di Vercelli per compilare la domanda d’asilo. La Questura non li riceve perché la Prefettura non riesce a dare loro una collocazione. Così viene negato un diritto, e si contrasta la legge. Dopo le pressioni di associazioni vercellesi e biellesi i migranti sono stati… Continua a leggere Vercelli. Diritti dei migranti e ritardi della Prefettura

Primo maggio a Torino: ancora violenze di polizia. Un appello!

Qui una lettera appello collettiva da “volere la luna” da sottoscrivere Dopo due anni il corteo del primo maggio ha di nuovo attraversato le strade di Torino. E di nuovo è stato segnato da un intervento violento, improprio e gratuito delle forze dell’ordine. In via Roma, infatti, la parte “non istituzionale” del corteo è stata… Continua a leggere Primo maggio a Torino: ancora violenze di polizia. Un appello!

Intervista a Francesca Albanese, nuova Relatrice per i diritti umani dell’ONU nei Territori palestinesi occupati.

È italiana la nuova Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sulla situazione diritti umani dal territorio palestinese occupato da Israele dal 1967. Si chiama Francesca Albanese ed è la prima donna a ricevere questo incarico dall’Onu. Giurista specializzata in diritti umani e questioni dei rifugiati, Albanese ha lavorato come legale con varie agenzie delle Nazioni Unite come l’Unrwa… Continua a leggere Intervista a Francesca Albanese, nuova Relatrice per i diritti umani dell’ONU nei Territori palestinesi occupati.