Costruire la rivolta nei territori, nei luoghi di lavoro, nelle scuole!

La città di sotto,movimenti&reti 9 Agosto 2019 | 0 Comments

Il volgare e sudaticcio Ministro della paura ha scelto. Per governare contro la Costituzione deve avere il potere tutto per sé.

Le elezioni di ottobre porteranno alla guida del paese, dopo quasi un secolo, un governo fascista!

Arrogante e ingannatore come un duce piccolo piccolo governerà con una fascista ex passionaria, ora bolsa e imborghesita, in nome di “dio patria e famiglia” con il sostegno dei liberali italiani. Una storia già vista!

Il PD, impropriamente, si attribuisce le responsabilità della caduta del governo Lega/5 stelle e sta pensando al 2-4% che guadagnerà, forse, alle prossime elezioni oppure, una parte, lavora per l’improbabile costituzione di un “governo istituzionale”, rinunciando così alla scontro diretto e aperto, nel paese, contro la fascistizzazione e l’imbarbarimento della politica.

Adunate di piazza e social network, parate militari e pellegrinaggi mariani, crocifissi negli uffici pubblici e incentivi a fare figli “regolari”, giuramento di fedeltà allo Stato per gli impiegati pubblici e controlli ispettivi; poteri speciali alle forze dell’ordine e Daspo diffuso, militarizzazione dei confini e persecuzione dei migranti, grandi opere e deregulation ambientali, incentivi alle imprese e meno tasse per i ricchi, e… tanto lavoro precario, stagionale, a tempo determinato… Questo è un po’ di ciò che ci aspetta!

A noi non resta che, pazientemente, costruire la rivolta nei territori, nei luoghi di lavoro, nelle scuole!

Resistere e disobbedire per costruire nel paese una coalizione sociale che muovendo dai bisogni, e prendendo atto della crisi del capitalismo e della democrazia rappresentativa, sappia sviluppare con le lotte, oltre la rappresentanza, una visione del mondo anticapitalista, partecipata e solidale.

marco sansoè

Leave a Reply