Letture utili :: E’ uscito il n. 47-48 di Alternative per il Socialismo

letture belle e utili 16 gennaio 2018 | 0 Comments

In libreria e online dal 4 gennaio 2018
il nuovo numero (doppio) di alternative per il socialismo

I nuovi, inediti ed imprevisti tentativi di pratica di una critica dell’esistente: dal grande movimento mondiale delle donne, alle lotte nel mondo del lavoro che cambia – Le esperienze locali di autogoverno a Roma, Napoli e Bologna – Controllo, consenso e conseguenze dell’informatizzazione e dell’automazione nel lavoro – Le eclissi delle democrazie costituzionali – Può esistere un’Europa franco-tedesca? Proposte per ribaltare la visione germano-centrica dell’Ue – La Repubblica catalana, l’impasse di un processo – La Cina della nuova era di Xi dopo il 19° congresso del Pcc – Saggi: la sinistra e i vaccini; il fallimento della rivoluzione tedesca degli anni ’20; una rilettura dell’evoluzione del pensiero di Lucio Colletti

Bertinotti, Di Mambro, Marini, Sai, Pieranni, Sapelli, Grispigni, Azzariti, Gianni, F. Bonadonna, Nocera, Santagata, Russo, Sarasini, Cavicchi, Beolchi, Minenna

SEGNALI NUOVI, FUORI DAL CAMPO
Nell’ultimo periodo mentre la politique politicienne continuava a dare una così cattiva immagine di sé da confermare le peggiori previsioni che la riguardano, su un altro distante e diverso terreno sono venute sia una grande, imponente conferma dell’esistenza di un nuovo movimento di dimensioni mondiali che qualche nuovo segno di annuncio del sorgere di nuova politica, dell’affermarsi o del preannunciarsi di nuovi soggetti, di nuove soggettività critiche. L’antica, e rinnovata, ambizione dei vincitori di oggi di “fare un deserto e chiamarlo pace” sembra loro impedito, malgrado la sconfitta del loro avversario storico e malgrado la forza di innovazione e di colonizzazione incorporate nel nuovo capitalismo. Qualcosa si muove fuori e contro il suo ordine. Non è solo la pur potente tendenza all’instabilità sociale e politica che investe ormai tutta l’Europa, né la destabilizzazione dei rapporti e delle relazioni internazionali fino alla configurazione della, ormai tanto citata, “terza guerra mondiale a pezzi”.     FAUSTO BERTINOTTI

LAVORO

LA VITA MESSA AL LAVORO AL TEMPO DELLA RETE – CLAUDIO DI MAMBRO e ANTONIO MARINI

CONTROLLO E CONSENSO: DIGITAL INNOVATION E CULTURA MANAGERIALE – MARIO SAI

IL MONDO

LA NUOVA ERA DI XI DOPO IL 19O CONGRESSO DEL PCC: PARTITO E GOVERNANCE GLOBALE – SIMONE PIERANNI

PUÒ ESISTERE UNA EUROPA FRANCO-TEDESCA? OVVERO LE FOLLIE DEL POTERE – GIULIO SAPELLI

LA REPUBBLICA CATALANA. IL FALLIMENTO DI UN PROCESSO – MARCO GRISPIGNI

L’ITALIA

DOPO IL REFERENDUM COSTITUZIONALE. CRISI DELLA RAPPRESENTANZA E RIFORMA DEL PARLAMENTO – GAETANO AZZARITI

L’ANNO ELETTORALE IN EUROPA SI CHIUDE LASCIANDO INCERTEZZA E INSTABILITÀ – ALFONSO GIANNI

LA QUESTIONE ABITATIVA A ROMA – FEDERICO BONADONNA

AREE DE-INDUSTRIALIZZATE AL SUD. L’ESPERIENZA NAPOLETANA DELL’OASI E DEL BEGGAR’S THEATRE – VITO NOCERA

IL LÀBAS DI BOLOGNA: LA PARTICOLARE STORIA DI UN CENTRO SOCIALE – ALESSANDRO SANTAGATA

IL PRIMO E IL SECONDO COLLETTI: QUESTIONI APERTE – FRANCO RUSSO

DONNE CHE ROMPONO IL SILENZIO. UNA STORIA POLITICA – BIA SARASINI

SAGGI

SINISTRA E VACCINI. LE COMPLESSITÀ CHE NON COMPRENDIAMO SONO UNA MISURA DEI NOSTRI LIMITI  – IVAN CAVICCHI

QUANDO LA RIVOLUZIONE PARLAVA TEDESCO. RIVOLUZIONE E CONTRORIVOLUZIONE IN GERMANIA 1918-1920  – LUCIANO BEOLCHI

RIBALTARE LA VISIONE GERMANO-CENTRICA DELL’UNIONE EUROPEA: CONTRO-PROPOSTE RISK-SHARED SULLA GESTIONE DEL DEBITO PUBBLICO E PRIVATO  – MARCELLO MINENNA

Leave a Reply