28 dicembre, Pray :: Presentazione della lista elettorale “Potere al popolo”

movimenti&reti,uscire dalla politica 26 dicembre 2017 | 0 Comments

La “sinistra”, almeno così pare, sembra voler perdere tempo e sprecare energie per la costruzione di una improbabile lista elettorale.
Già altre volte abbiamo detto che ci pare del tutto improprio credere che questa sia una priorità, anche in vista delle elezioni politiche: governabilità e opposizione parlamentare si trovano ormai stritolate dalle necessità stabilite da una “agenda politica” europea che pare sempre più mondiale e determinata da interessi economici e finanziari che creano compatibilità dalle quali è difficile liberarsi se si intende la politica, soprattutto, come governo della cosa pubblica.
Ma la politica è anche ostacolata dalla distanza, a volte incolmabile, tra i bisogni e i desideri dei cittadini e le Istituzioni.
Per questo continuiamo a pensare che oggi una sinistra avrebbe un senso solo se fosse il prodotto di una processo che dal basso mette insieme persone, collettivi e movimenti che già agiscono nel territorio e nei luoghi di lavoro stabili e precari, sotto qualsiasi forma e nelle diverse condizioni, per la costruzione di comunità, occasioni, iniziative, progetti contrari e “in alternativa” allo stato di cose presenti: una messa in comune, politica e esistenziale, di bisogni e desideri che si fanno subito azioni politica nella società, e poi, se necessario (ma ora vi sembra necessario?), nelle istituzioni!
Per questo ci pare prioritario agire, agire dove sia possibile e nelle condizioni date per… gettare sabbia negli ingranaggi oppure produrre azioni in grado di indurre cambiamenti e trasformazioni oppure condividere azioni solidali con pezzi di società emarginata e/o povera e marginale oppure sviluppare la critica a comportamenti politici e collettivi oppure fare inchiesta per capire e condividere esperienze e condizioni di vita oppure fare analisi per procurarci e diffondere strumenti di interpretazione della realtà per sovvertirla oppure…
Prioritario diventa condividere esperienze e conoscenze per abituarci al rispetto dei bisogni e dei desideri di ciascuno e di ciascuna nella costruzione di percorsi comuni (per questo sarebbe alquanto utile mappare l’esistente sull’intero territorio italiano).

marco sansoè

Nonostante questa convinzione rendiamo noto che si svolgerà…

ASSEMBLEA PUBBLICA DI PRESENTAZIONE DELLA LISTA

« POTERE AL POPOLO »

GIOVEDI 28 DICEMBRE ORE 20,30

presso  BAR CENTRALE VIA B. SELLA PRAY (BI)

Dal 18 Novembre, da quella prima e gigantesca assemblea che ha dato vita a « POTERE AL POPOLO », al Teatro Italia a Roma è nato un movimento popolare che intende presentarsi alle elezioni politiche del Marzo 2018.
Un movimento senza soldi e grandi nomi, senza media compiacenti e sponsor economici, fatto di gente comune, di giovani e lavoratori, di disoccupati e pensionati, di associazioni, comitati territoriali, sindacati e militanti di base. Un movimento che vuole irrompere sulla scena elettorale per far vedere soggetti, storie, valori e temi di cui in quest’Italia risentita, cattiva e depressa, non si parla più. Pensiamo che non sia più sufficiente il voto per delega, ma che sia invece indispensabile la presenza attiva delle persone che vivono e soffrono questa crisi, attraverso la mancanza del reddito o la mancanza della possibilità di accesso alle immani ricchezze disponibili a partire dai servizi, la casa e il benessere. Il programma non sarà una lista della spesa, quella che ci propinano da decenni i partiti di centro destra e centro sinistra, ma serve soprattutto per costruire coscienza fra le persone e per coinvolgere sempre più soggetti. Perchè noi guardiamo oltre le elezioni, guardiamo a un processo di aggregazione a livello nazionale in grado di ribaltare i rapporti di forza fra quelli che oggi hanno il potere e la ricchezza e quelli che oggi non hanno niente.

Leave a Reply